CircleMe, l’innovativo social network che si propone di collegarci alle cose che amiamo e alle persone che condividono i nostri stessi interessi, lancia in questi giorni le “Plant Guides“, collezioni tematiche dei plants (il modo scelto da CircleMe per geo-referenziare qualunque tipo di interesse in qualunque posto fisico del mondo); queste collezioni sono ora disponibili sulla iOS app della piattaforma, nella sezione plants.

Tra gli obiettivi futuri di questo progetto, mi ha spiegato Giuseppe D’Antonio, CEO – Cascaad (CircleMe), c’è quello di “spingere molto queste collezioni e tutto il concetto della scoperta di plants in base agli interessi degli utenti; questi possono accedere alle plants tematiche, per scoprire che contenuti di quell’interesse specifico sono associati ad una particolare area geografica“.

 

Le prime tre collezioni rilasciate sono Art Masterpieces, Boutiques e Restaurants; quest’ultima collezione è particolarmente importante, perché frutto di una promettente partnership con Cibando. Una buona notizia per la scena delle startup italiane, questa, come sottolineato da D’Antoni: “anche in Italia si può fare “sistema” (come nella valley) e lavorare nello sviluppare sinergie tra noi startup; secondo me se ci fossero più di questi progetti insieme l’Italia potrebbe fare grandi cose. Stiamo lavorando con diversi altri partner di contenuti ora, e quindi spero che lanceremo tante di queste “plant guides” in futuro. A volte si pensa che lavorare in partnership tra aziende sia difficile, ma credo invece che queste siano per noi una grande opportunità perchè si basano su uno dei più grandi vantaggi competitivi di una startup: la flessibilità“.

Un bel progetto CircleMe, davvero da seguire con attenzione.