Nome e Cognome: Rudy Bandiera
Settore: Web
Competenze: giornalista, consulente Web e nuovi media
Per chi lavori: Me stesso, NetPropaganda
Citazione: relazioni umane cyborg
Link: http://www.netpropaganda.net/
Pagine e account Social: https://twitter.com/#!/rudybandiera, http://www.facebook.com/rudybandiera, http://it.linkedin.com/in/rudybandiera

In cosa ti senti davvero forte e perché?
Prima di tutto ciao e grazie per l’opportunità di presentare me stesso ed il mio lavoro.
Da quello che si “evince” dalla citazione, mi definisco un “relazioni umane cyborg” esattamente come D3BO in Star Wars… anche se meno giallo e logorroico 🙂
Di fatto mi occupo della produzione di contenuti per diversi siti Internet e della loro visibilità attraverso i motori di ricerca, quindi in ambito indicizzazione e posizionamento, e social media quali Facebook o Twitter. In questo mi sento forte… nel far trovare e conoscere quello che prima non si trovava e non si conosceva.

Cosa credi che dovrebbe cambiare nel tuo settore?
Il mio settore si prende troppo sul serio, ci vorrebbe più autoironia e meno autocelebrazione: siamo troppo autoreferenziali…insomma, tutto quello che ha un “auto” in mezzo.

Cosa pensi che manchi all’Italia “Digitale”?
Lo spirito.  L’Italia è un Paese straordinario e spumeggiante, talmente spumeggiante che è diventato assistenzialista… ha inventato il sistema assistenzialista, che non è quello assistenziale. Se la gente avesse voglia di cambiare tutto e rimettersi in gioco, saremmo i leader, in tutto. Ma ci vuole tempo e fatica per questo. Ci vuole che i fondi di investimento investano, che sembra ovvio ma non è vero: ormai chi ha i soldi li mette solo dove ha certezza, uccidendo così l’innovazione e tenendosi lontani dal rischio intrinseco nell’imprenditoria.

Con quali figure professionali collabori già  e con quali vorresti collaborare?
Collaboro con molti copywriter, giornalisti, community manager e programmatori, oltre che con sistemisti. Mi piacerebbe molto collaborare anche con gli idraulici 🙂

Quali strumenti web utilizzi quotidianamente per il tuo lavoro?
Sarei un uomo morto senza gli strumenti di condivisione e senza il cloud computing, che anche se so non essere il massimo per la sicurezza, è certamente il massimo per la comodità.
Sarei finito senza documenti condivisi di Google ed ancora di più senza DropBox, così come potrei impazzire senza HootSuite.

Quali strumenti web “di nicchia” pensi che siano destinati ad avere successo di massa?
Uno strumento come DropBox trovo sia assolutamente geniale e con un brillante futuro davanti: io uso più PC in diversi posti e la comodità di avere sempre tutti i file aggiornati, in tempo reale, sui computer non ha prezzo, senza parlare delle cartelle condivise.
Meraviglioso

strong>Cosa ti aspetti dal web e dalle nuove tecnologie nei prossimi 5 anni?
Mi aspetto più sicurezza e maggior “serietà contrattuale” da parte dei grandi gruppi.
Siamo arrivati ad essere troppo vincolati a servizi che possono fare di noi quello che vogliono, per continuare a stare alla loro mercé. Non è possibile che Google possa decidere insindacabilmente di chiudermi un account Google appunto, privandomi di fatto del mio lavoro, dei miei contatti e dei miei calendari. Se vogliono che noi si usi i loro servizi questi devono essere garantiti o in qualche modo deve essere garantito un customer care o un una minima assistenza.

Un caso di successo che hai seguito, da solo o con la tua azienda.
Ho seguito, e sto continuando a seguire, il progetto di un quotidiano ferrarese che si chiama Ferrara24ore che mi sta dando grandi soddisfazioni: l’ho praticamente visto nascere e crescere, con account Twitter e pagina Facebook annessi. E’ un piacere vedere qualcosa che viene su bene, che cresce in modo sano, come un figlio alle elementari.

Grazie Rudy Bandiera, buon lavoro e a presto.