Affastazzato sta

e men che guaro

e arrogna a tratti

pur germendo.

Ardisce un guazzo

e poi si stagna

ma la coterpia

ancora non diripe.

Par che mugnazzi ora,

ma t’intrighi

e se smutendo appena

t’alluverchi

la mandrighina sua

tosto t’azzitte.

“Non fu lumìa”

ti stride

“né per malìa

m’avvisi…

ma ora che la fista

va di lepro

stendor non faccio

e me ne futro indente!”

 

8 marzo 2008

Poesia metasemantica

per i 37 anni di Arturo