Appathon 2015 by UnicreditGli istituti di credito sono sempre più lanciati verso la tecnologia e, in molti casi, anche verso la partecipazione degli utenti alla definizione del servizio e delle piattaforme, per essere sempre più in linea con le reali esigenze dei clienti.

Si tratta di sfide complesse, perché il lavoro di una banca non è certamente tra i più indicati per la sperimentazione, ma ci sono casi in cui grandi aziende di profilo internazionale decidono di mettersi in gioco e di cercare strade nuove.

Proprio quello che Unicredit aveva già fatto lo scorso anno e che oggi replica in grande stile con la seconda edizione di Appathon, l’hackday che vedrà in campo 300 partecipanti, chiamati a presentare 75 progetti di banking innovation a Milano, Monaco e Vienna.

In palio un montepremi di oltre 50.000 euro, che sarà disputato da 75 team di web developer, designer e marketing specialist, che avranno il compito di ideare app per semplificare i servizi finanziari e la relazione tra banca e cliente. A questo scopo, il 7 e 8 novembre prossimi, UniCredit aprirà ai 300 contendenti le porte delle sue sedi principali in Italia, Germania e Austria.

Questa seconda edizione, logico seguito delle due competizioni locali, in Italia e in Germania, lo scorso anno, si allarga dunque su scala internazionale. Questa volta, i concorrenti di Appathon dovranno ideare soluzioni in diversi ambiti. In Italia e Austria ragioneranno sui pagamenti digitali con una sfida sul Customer Centric Wallet, e poi ogni Paese avrà due temi specifici:

  • in Italia si sfideranno su: Financial Wellness e Servizi a Valore
  • in Austria saranno impegnati su: Advisory e Wealth planning
  • in Germania lavoreranno su Wearables & Mobile Banking, Digital private banking

Per partecipare occorre candidarsi sul sito www.appathon.eu; l’hackday è aperto a developers, user experience & web designers, oltre che a marketing specialist. I partecipanti dovranno formare dei team multidisciplinari per affrontare in 24 ore le sfide nelle sedi UniCredit di Monaco, Vienna e Milano. I concorrenti saranno affiancati nel loro lavoro dai Mentor UniCredit, dipendenti della banca appassionati di tecnologia e digitale che per un giorno condivideranno l’esperienza dell’innovazione sul campo, vivendo a stretto contatto con i partecipanti.

Le migliori APP verranno premiate con un montepremi complessivo di oltre 50.000 euro e numerosi premi speciali come stage, licenze software e partecipazioni a corsi di digital innovation. In Italy i team che parteciperanno potranno entrare in contatto anche con UniCredit Start Lab, il programma della banca che sostiene le startup italiane.

Con Appathon 2015 Unicredit prosegue un percorso che esprime una chiara disponibilità a  volontà di continuare a metterci lavorare sulle frontiere dell’innovazione tecnologica, per competere in uno scenario internazionale in cui stanno emergendo nuovi player, sempre più aggressivi e capaci di sfruttare le nuove tecnologie per attrarre una clientela che si sta evolvendo in fretta.

Unicredit dimostra di credere in questo sviluppo e di aprirsi alle idee dei talenti della rete; da Appathon 2014, ad esempio, è nata l’idea di Prelievo Smart, una funzionalità del mobile banking di UniCredit che consente di prelevare da un ATM senza introdurre la carta, ma semplicemente inquadrando un QRCode.

Oltre al contesto internazionale e all’ampio spettro dei temi toccati, la capacità creativa e innovativa dei concorrenti sarà chiamata a confrontarsi con due ulteriori livelli di profondità:

  • alcune delle app dovranno poter essere utilizzate su wearable device, in particolare Apple Watch e Samsung Gear;
  • in Italia e Germania, le app potranno essere sviluppate con l’utilizzo delle cosiddette API (Application Programming Interface) ovvero dei codici di programmazione che consentono di sviluppare un vero e proprio prototipo.

Per il settore bancario si apre dunque un fronte ancora inesplorato: quello dell’utilizzo delle API, mettendo a disposizione degli sviluppatori i codici di programmazione utilizzati da Unicredit. Questo permetterà di realizzare prototipi funzionanti, che potranno essere messi rapidamente in produzione.

Appathon 2015 è realizzato in collaborazione con numerosi partner di UniCredit; Value Transformation Services (IBM Subsidiary) sarà global partner per l’Italia, la Germania e l’Austria. Tra i partner a livello italiano figurano Accenture, Axway, BE Consulting, HFarm, Reply, Tata Consultancy Services e RCS nel ruolo di media partner. A livello tedesco tra i partner figurano DataArt, Figo, Finletter, Hackevents, Gini, Google Paymill and T3N. In Austria i partner saranno Accenture, Kapsch, Microsoft, Wincor Nixdorf GmbH, WKO.

INFO & CANDIDATUREwww.appathon.eu – Twitter: #Appathon2015 @UniCredit_PR

Appathon 2015 su Facebook.