Rigoni di Asiago, il logoRagione Sociale: Rigoni di Asiago S.p.A.
Settore: Food
Categorie Merceologiche: Miele, Confetture, Spalmabili, Dolcificanti
Link:www.rigonidiasiago.com
Pagine e account Social:facebook.com/rigonidiasiago, twitter.com/RigonidiAsiago, www.flickr.com/photos/rigonidiasiago , youtube.com/user/rigoniasiago

In cosa è “forte” l’azienda e perché?
La Rigoni di Asiago svolge attività di produzione e commercio di alimenti esclusivamente provenienti da agricoltura biologica. Oltre alla produzione di miele con il quale ha esordito, l’azienda produce oggi la marmellata Fiordifrutta (leader di mercato, in valore), il dolcificante naturale DolceDì, la crema di nocciole Nocciolata e la frutta pronta all’uso Fruttosa. Rigoni di Asiago lavora nella natura e con la natura. Scegliere il biologico, di produrlo come di mangiarlo, significa, di fatto, conservare nel tempo le risorse della natura. Significa pensare a noi stessi e al futuro delle nostre generazioni. La Rigoni di Asiago questa scelta l’ha fatta molti anni fa.

Quanto confida nel web per promuoversi e comunicare?
Da qualche hanno Rigoni di Asiago ha scelto Studio Boraso.com di Occhiobello (RO) per la sua comunicazione online. Da un semplice sito in Flash, molto attraente ma decisamente poco comunicativo, l’azienda è passata ad un sito/blog realizzato su piattaforma WordPress, molto gradito ai motori di ricerca e in grado di dialogare con i consumatori e di fare “customer care” in modo nuovo e intelligente.

Quali strumenti web utilizza quotidianamente?
Oltre al sito l’azienda utilizza molto i social media, da Facebook a Twitter, da Flickr a Youtube, sfruttando appieno le potenzialità offerte dalla rete.

Il web è soltanto una vetrina o una vere piattaforma e strumento di lavoro?
Il web è assolutamente uno strumento quotidiano di lavoro. L’epoca in cui esserci significava avere un sito web è definitivamente tramontata e un’azienda dinamica come la Rigoni di Asiago non poteva assolutamente restare alla finestra a guardare. La produzione di contenuti per la comunicazione, che prima era limitata alle esigenze di piattaforme assolutamente statiche (dal vecchio sito web alle pubblicità su carta e sui vecchi media) è oggi un lavoro quotidiano per tutta la divisione comunicazione e marketing. Non si comunicano solamente le novità, ma anche il quotidiano dell’azienda e dei suoi prodotti.

Ci sono figure che si occupano esclusivamente del web in azienda?
Sì, ci sono diverse figure che se ne occupano in modo più o meno esclusivo, oltre allo staff di Studio Boraso.com, che dall’esterno interagisce con i dipendenti e consulenti della Rigoni di Asiago in sede. In particolare, un giornalista dell’Ufficio stampa della Rigoni di Asiago è il responsabile dei contenuti web.

Cosa è cambiato nel modo di lavorare, dai media tradizionali al web?
Innanzitutto la consapevolezza di avere un canale aperto verso l’esterno 24 ore su 24, 365 giorni l’anno. Per un’azienda come la Rigoni, fortemente convinta della bontà dei propri prodotti e del riscontro positivo del pubblico, questa è sicuramente una grande opportunità. Non è più necessario cercare il contatto con i consumatori attraverso strumenti e iniziative costose e sporadiche; oggi il pubblico si fa trovare in rete, postando opinioni e pareri, chiedendo informazioni e consigli o semplicemente cercando interazione. In rete c’è la comunità delle food blogger che utilizzano i prodotti Rigoni e li suggeriscono al proprio target; ci sono fornitori e partner, competitor e aziende che in qualche modo operano nel settore e nell’indotto. La rete è dunque il luogo virtuale (nemmeno poi troppo) in cui si possono allacciare relazioni e curare i rapporti con tutte le tipologie di referenti.

Soddisfatti del web o ancora perplessi?
Assolutamente entusiasti!

Grazie alla Rigoni di Asiago e buon lavoro.