La cosa che mi piace, di questo strumento, è la semplicità d’uso e la grande integrabilità con le altre piattaforme di condivisione. Una sorta di grande sommario in cui scorrono milioni di link, oltre che cinguetti di sublime ma perdonabile inutilità. Credo di saperlo utilizzare abbastanza bene questo strumento, ora, e tuttavia sento di averne trascurato aspetti e funzionalità importanti, come il cancelletto # (hashtags), ad esempio, che utilizzato davanti ad una parola la cataloga e la rende in un certo senso un indice, una connessione tra tweet che parlano dello stesso argomento. Se io scrivo #roma, infatti, il mio tweet sarà automaticamente elencato nelle ricerche degli utenti con keyword “roma”.

Sembra una grande banalità (e lo è sicuramente per gli utenti avanzati), ma se utilizzata con parsimonia ed intelligenza, questa funzionalità consente di ottenere ottimi risultati. Uno dei casi più frequenti di utilizzo è legato alle emergenze o agli eventi, per racchiudere in un unico feed tutti i tweet che ne parlano, ma la tendenza a farne uso si sta diffondendo con grande rapidità e in tutti gli ambiti. Con l’utilizzo del #cancelletto si possono infatti ottenere numerosi scopi, il più noto dei quali è il #followfriday, con il quale si suggerisce ai propri followers di seguire altri utenti che riteniamo interessanti. Ma si può anche taggare con il #cancelletto un brand, una marca, il nome di una città o di un evento, indicizzandolo in tal modo per la ricerca.

Di più: si possono creare nuovi “giochi” o tendenze, come l’invenzione delle #paroledelgiorno, ad opera del geniale Rudy Bandiera, che ogni giorno fa un piccolo elenco di parole desuete per intrattenere i suoi followers e per creare “movimento” e aspettativa. Ecco, questa è un’altra grande opportunità offerta da Twitter e dall’uso del #cancelletto. Un buon uso di questo strumento è assimilabile alla creazione di un brand, un marchio spendibile e visibile non soltanto nella cerchia dei propri followers, ma da chiunque cerchi in Twitter quel termine, aumentando così le opportunità di essere letti, seguiti e commentati.

Un solo consiglio: utilizzatelo poco ma bene, come se fosse una keyword da spendere con saggezza nell’ambito di un post da 140 caratteri appena. Utilizzatelo come una firma o per dare risalto e visibilità a post che trattano di argomenti di comune interesse, ad esempio “#F1: dalla gara di Monza la #Ferrari di Massa passerà a Fisichella”. Una risorsa preziosa anche per le aziende che utilizzano i social media per promuoversi, perché attraverso l’uso del #cancelletto i loro brand potranno emergere nelle ricerche e permettere una tracciatura più efficace. Un ultima cosa: affinché la vostra strategia di comunicazione attraverso gli ashtags si realizzi, non dimenticate di seguire l’account @hashtags su Twitter; in questo modo sarete automaticamente aggiunti nei risultati delle ricerche e i vostri hashtag saranno tracciati.

Per saperne di più: Piccola guida agli Hashtag di Twitter.