Forse ha ragione il mio amico Arturo, grande fisico (non è un culturista, ma progetta satelliti), quando dice che la crisi non esiste e che se esiste è nella logica delle cose, talmente normale e fisiologica da non dover destare alcun timore. In natura, ad esempio, tutto è perennemente in uno stato critico e quando la criticità si risolve significa che si è arrivati al capolinea, non alla soluzione o ad una positiva stabilizzazione.

Viva la crisi dunque e prendiamo atto che proprio in questo contesto ci si può accorgere di opportunità incredibili se non paradossali, come quella prospettata in questi giorni da un link sponsorizzato di Google: “Hai un terreno che non usi?” recita il testo della pubblicità, “Scopri come guadagnare costruendoci sopra una Tua pista di Go Kart!
www.CostruzionePistaKart.com” Alla faccia della crisi!

Il sito spiega che si tratta di “un investimento molto redditizio e anche divertente […] che si ripaga in circa 2 anni anche delegando personale stipendiato alla gestione della pista”, “che non richiede esperienze o qualifiche particolari”. Un investimento che secondo OTL Italia Srl, l’azienda che ha lanciato questa promozione, permette “di guadagnare il triplo dell’investimento in 6 anni”. Scopriamo infatti che “un cartodromo, in Italia, realizza un fatturato che va dagli 850mila euro a quasi 2 milioni all’anno”, di cui “circa il 35% è profitto”. Mica male… Viene soltanto da riflettere: ma se uno ha un terreno di cui non sa cosa fare, avrà poi anche i soldi per mettere in piedi una roba del genere? Chissà…