Un paio di anni fa ho già scritto di Amyko®, definendolo “Amyko, il bracciale per la serenità della famiglia” e testandolo in anteprima. Oggi torno a scrivere di questo servizio in cloud a 360°. a supporto di tutto l’ambito e-health. In occasione di Campus Party Milano ho avuto infatti il piacere di intervistare Riccardo Zanini, fondatore e COO di Wecare, l’azienda che lo ha pensato e realizzato.

Grazie ad Amyko® le persone possono gestire la propria vita “documentale” e monitorare la propria salute, semplificando la gestione in un’unica piattaforma. Un’idea brillante, che ha dato vita ad un braccialetto e una App con una user experience dinamica, personalizzabile e interattiva. Il braccialetto modulare è totalmente Made in Italy ed è dotato di tecnologia passiva NFC. Con esso le persone si sentono al sicuro, grazie alle funzioni di safety, e inoltre possono essere rapidamente identificate, in caso di incidente o di malore, visualizzando le principali informazioni mediche e allertando le persone care.

Amyko® dispone anche di funzioni come “l’armadietto del farmaco”, che contribuisce a ricordare la somministrazione di un farmaco ad un determinato orario, così come l’appuntamento per una visita medica, informando eventualmente un parente per un controllo incrociato o  per avere sempre aggiornata la propria scorta di farmaci. Per far funzionare il braccialetto è sufficiente scaricare gratuitamente la App Amyko® dal Playstore o dall’App Store.

In caso di emergenza Amyko® può inviare un messaggio in automatico a un familiare, grazie alla funzione self help. Questa App è dunque l’evoluzione 2.0 del servizio di “telesalvalavita”, che include la geolocalizzazione della persona che chiede aiuto. Questo progetto è caratterizzato da un focus importante privacy, garantendo agli utenti che i propri dati sono al 100% al sicuro.

L’idea di Amyko® nasce dall’idea dei due founder Filippo Scorza, bioingegnere e industrial designer e Riccardo Zanini, imprenditore nel campo della mobilità sostenibile, di cui segue la vidointervista.

 

INFO SU: amyko.it

Commenta con Facebook