EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

By

BloggerKartDay 12/12/12 con 6sicuro al TopFuel di Vignate

IMG_20121212_224149Tipo c’hai presente 30 blogger un po’ nerd (pardon, Geek) che decidono di sfidare il senso del ridicolo appoggiando le burrose chiappone sul seggiolino di un kart e che si sfidano, facendo finta di essere piloti? Qualcuno direbbe orcodighel, qualcun altro minchiabbò (cit.), ma comunque la pensiate quello che si è tenuto il 12/12/12 sulla pista TopFuel di Vignate (MI) è stato uno spettacolo degno di nota. Tipo le note con la penna rossa dei maestri, sul registro di classe, ecco.

Scherzi a parte, la serata organizzata da 6sicuro (il portale che confronta 18 assicurazioni online e ti aiuta a scegliere la più economica) con la collaborazione di Abarth Make it Your Race è di quelle che non si dimenticano. E come si potrebbe, del resto? Insomma, il meglio della blogghitudine meneghina (e non solo) a confronto sul duro asfalto di una pista da brivido, invece che con mouse e tastiere, è di certo un evento al top.

Non perdo tempo a pubblicare classifiche, numeri, tempi, che tanto il senso non era certo questo. Andiamo, cosa importa sapere chi ha vinto, se quel nome non è il mio? Purtuttavia mi vedo costretto a fare qualche nome, a sperticarmi in qualche fugace lode nei confronti dei più bravi e della loro disgustosa prestanza fisica, unica possibile motivazione per aver fatto meglio di me, ovviamente. Ma non si poteva zavorrarli?!?

Andiamo per ordine, comunque. Essere battuto da gente come @Matt o @Gioxx è un vero onore, ci mancherebbe. Questione di talento, oltre che di età. @WMSaver è il padrone di casa, anche in questo caso onoratissimo di averlo davanti, così come la talentuosa @laFra, brava, veloce, bella, spiritosa (gente che ti fa sentire davvero un dannatissimo nerd).  @BrianPolo e @R0by sono due amici, quindi avanti pure loro ma…

Ma @Shonel_G, ragazzi?!? Naa, Shonel no, dai! Insomma, è affisicato, ha qualche anno meno di me (a chili ce la battiamo), fa piscina e palestra ma… sui kart è una vera pippa, dai! Mica come quel figo mascherato di @SteekHutzee, che non so chi diamine sia (e del resto gira incappucciato, si può?!?) ma tira come una scheggia. No, Shonel potevo e dovevo tritarlo, cosa che del resto stavo facendo, fino a farmi venire lo scrupolo che si trattasse di @WMSaver, a causa di un cappuccio malandrino che mi ha tratto in inganno, consigliandomi di evitare scaramucce violente col padrone di casa, che mi sarebbe davvero dispiaciuto.

Vi sembra una scusa patetica? Certo che lo è, ovviamente! #6sicuroche la #BloggerKartDay serve solo a questo, a prendere mazzate e a inventare scuse patetiche e poco credibili. perché il gusto e il divertimento sta tutto qui. Un grosso applauso alle scuse tipo “avevo il gomito che faceva contatto col ginocchio”, allora, che mi sembra di aver sentito pronunciare da @Red_Milano o forse da @Rosati_luca, mentre dibatteva con @_BrunoPaolo_ sul passaggio radente dell’uomo falena, causa certa di immani disastri in pista e fuori. E che di certo deve aver rapito @Sb3rla, praticamente non pervenuto e perdonato solo per il fascino e il talento fotografico della sua accompagnatrice, Patrizia Habarta, nonché amichetto del cuore del portentoso videomaker @sTen, dei quali presto apprezzeremo i contributi.

Vorrei citarli tutti, gli eroi del #BloggerKartDay, ma il tempo non mi aiuta e quindi chiudo questo delirio con una mention d’onore a @scarylalla, vera attrazione della serata, con il casco prima e con il luminoso caschetto bruno, poi, dopo la sua incredibile prova, che a occhio e croce dovrebbe essersi conclusa proprio in queste ore. Fenomena vera!

By

Artigiani della Decrescita, una risorsa per iniziare a cambiare

Gli Artigiani della Decrescita

Da decrescita.com un’ottima iniziativa, per conoscere artigiani e botteghe del riciclo e del riuso nelle città italiane. Si chiama “Artigiani della Decrescita” ed è aperto alla contribuzione degli utenti.

Se nel tuo quartiere, nel tuo comune o nella tua città, conosci un artigiano che dedica la sua attività alla riparazione, al riciclo e del riuso ti preghiamo di segnalacelo. Creeremo, con il tuo aiuto, il più grande archivio dei professionisti della decrescita.

Questa iniziativa nasce come strumento utile a combattere l’obsolescenza degli oggetti. E’ quindi una delle strade che possiamo percorrere per opporci all’illogico sistema consumistico che esige una crescita illimitata.

Vogliamo inoltre favorire  la diffusione della conoscenza e del “saper fare che si fonda proprio sulla professionalità di un certo tipo di artigiani interpreti di un nuovo modo di pensare il lavoro.

Si tratta di una mappa interattiva che permette di conoscere gli artigiani della propria zona e di segnalarne di nuovi o di non già presenti. Per segnalare la propria attività si può inviare una mail a: info@decrescita.com.

Il 25 novembre 2012 questa iniziativa sarà presentata nella trasmissione “Si Può fare – Cronache da un paese migliore” condotta da Alessio Maurizi su Radio24-Ilsole24ore, a partire dalle ore 12.00.

By

A Beppe Severgnini il “Torrone d’Oro” 2012, a Cremona

Cremoncino, mascotte della Festa del Torrone di CremonaIncetta di premi, in questo caldo autunno, per il #TA12 Miglior Giornalista italiano 2012 Beppe Severgnini, che domenica 18 novembre, alle ore 14.30,  alla presenza delle istituzioni locali e della stampa, presso la Sala Quadri in Palazzo del Comune di Cremona verrà insignito del premio”Torrone d’Oro“, giunto alla sua quinta edizione, in occasione della Festa del Torrone.

Dopo la consegna in comune, il premio verrà celebrato con il pubblico sul palco allestito in Piazza del Comune, di fronte al duomo; il “torrone d’Oro” viene assegnato a chi rappresenta Cremona e il suo territorio in Italia e nel mondo. E’ stato creato, per “valorizzare le qualità ed il ruolo di chi esprime il carattere del territorio cremonese nella propria attività artistica, professionale e umana”.

Beppe Severgnini vincitore dei #TA12

Photo by Cromobox

Le precedenti edizioni del premio sono andate alla soubrette Roberta Lanfranchi, alll’attore GianMarco Tognazzi, alla stella della danza Carla Fracci e all’ex campione del calcio e allenatore Gianluca Vialli. Quest’anno è la volta di un famoso giornalista e brillante scrittore, originario di Crema e quindi eccellenza del territorio cremonese. Editorialista del Corriere della Sera dal 1995, columnist del Financial Times, scrittore e conduttore di trasmissioni televisive di successo, ad oggi il giornalista italiano più seguito su Twitter, Beppe Severgnini si è fatto conoscere al grande pubblico anche per il suo brillante e originalissimo stile narrativo.

Da notare, che Severgnini ha iniziato la sua carriera giornalistica nel 1979 a Cremona, alla “La Provincia”. A soli 22 anni tenne su questa testata la rubrica, “Parlar sul Serio”, in uscita al sabato, che divenne in poco tempo un imperdibile appuntamento peri giovani di Crema e della provincia. Tifoso dell’Inter, ha scritto anche per la Gazzetta dello Sport, nel decennio 2001 / 2011, raccontando disastri e trionfi della sua squadra del cuore.

La Festa del Torrone sarà una tre giorni di cultura, tradizione, golosità ed eccellenze del territorio cremonese. La mia città adottiva darà il meglio di se e saprà sfoggiare una vocazione turistica che troppo spesso tiene sopita, nonostante le sue celebri 3T (turònturàs e tetàs), che peraltro la descrivono con eccessiva modestia. Cremona non è soltanto la città del torrone e del bellissimo Torrazzo, ma anche una vera e propria capitale della musica e della liuteria, oltre che eccellenza enogastronomica di un territorio ricco di attrattive e di sorprese.

 

By

CircleMe lancia le Plant Guides

CircleMe, l’innovativo social network che si propone di collegarci alle cose che amiamo e alle persone che condividono i nostri stessi interessi, lancia in questi giorni le “Plant Guides“, collezioni tematiche dei plants (il modo scelto da CircleMe per geo-referenziare qualunque tipo di interesse in qualunque posto fisico del mondo); queste collezioni sono ora disponibili sulla iOS app della piattaforma, nella sezione plants.

Tra gli obiettivi futuri di questo progetto, mi ha spiegato Giuseppe D’Antonio, CEO – Cascaad (CircleMe), c’è quello di “spingere molto queste collezioni e tutto il concetto della scoperta di plants in base agli interessi degli utenti; questi possono accedere alle plants tematiche, per scoprire che contenuti di quell’interesse specifico sono associati ad una particolare area geografica“.

 

Le prime tre collezioni rilasciate sono Art Masterpieces, Boutiques e Restaurants; quest’ultima collezione è particolarmente importante, perché frutto di una promettente partnership con Cibando. Una buona notizia per la scena delle startup italiane, questa, come sottolineato da D’Antoni: “anche in Italia si può fare “sistema” (come nella valley) e lavorare nello sviluppare sinergie tra noi startup; secondo me se ci fossero più di questi progetti insieme l’Italia potrebbe fare grandi cose. Stiamo lavorando con diversi altri partner di contenuti ora, e quindi spero che lanceremo tante di queste “plant guides” in futuro. A volte si pensa che lavorare in partnership tra aziende sia difficile, ma credo invece che queste siano per noi una grande opportunità perchè si basano su uno dei più grandi vantaggi competitivi di una startup: la flessibilità“.

Un bel progetto CircleMe, davvero da seguire con attenzione.

By

La Ricerca sul Cancro passa attraverso un #TweetSolidale

Tweetsolidale pro Fondazione Piemontese per la Ricerca sul CancroLa Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro si apre ai social media con una novità: il #tweetsolidale.  

La Fondazione, detentrice di un polo oncologico di eccellenza come l’Istituto per la Ricerca e la Cura del Cancro di Candiolo, punta forte sui social media non più solamente come luoghi di comunicazione e condivisione, ma come sistema integrato per la promozione di quel valore fondamentale che è la solidarietà.

Con #TweetSolidale è possibile donare 2 euro in favore della ricerca e della cura dell’Istituto di Candiolo attraverso Paypal o carta di credito, con un semplice tweet sui social network e con il microblogging. Questa azione, ideata in collaborazione con l’agenzia creativa Special Team, rappresenta la versione social del più tradizionale SMS solidale e, a differenza di quest’ultimo, fa dello sharing e del passaparola online la sua forza.

#TweetSolidale si inserisce nell’ambito di una nuova strategia di comunicazione della Fondazione, che ha recentemente affiancato al sito web un blog (blogfprconlus.it), il profilo di Facebook, il canale di YouTube e il canale di Twitter @FPRConlus.

Il popolo dei social network potrà così sostenere la ricerca sul cancro e finanziare l’acquisto di nuovi macchinari all’avanguardia per l’Istituto di Candiolo. Come la recente acquisizione della nuova Tomoteraphy HD, uno strumento di radioterapia unico in Italia, acquistato anche grazie ai tanti cittadini che hanno destinato il loro 5×1000 alla Fondazione per lo sviluppo di un centro già oggi all’avanguardia nella cura delle malattie oncologiche. O sostenere importanti progetti di ricerca in grado di portare a rilevanti scoperte scientifiche. Com’è accaduto qualche settimana fa, quando un team dell’Istituto di Candiolo, guidato dal Professor Alberto Bardelli, ha coordinato uno studio internazionale che ha portato alla scoperta di un gene spia per anticipare la lotta al tumore al colon.”

Oltre a sostenere la ricerca sul cancro con una donazione, l’obiettivo è trasformare ogni utente in fundraiser, coinvolgendo nella causa la propria rete di contatti donando e rilanciando il Tweet Solidale della Fondazione.

Oggi puoi sconfiggere il Cancro anche con Twitter. Insieme possiamo vincere! http://bit.ly/HkHXvN Dona 2€ a @FPRConlus con un #tweetsolidale